Tendenza meteo Potenza Febbraio 2016

Cari lettori,

abbiamo deciso che gli aggiornamenti per il mese di Febbraio 2016 gli divideremo in 2 parti, la prima parte in questo articolo e la successiva nell'articolo che verrà pubblicatonel corso della settimana.

Cosa succederà nelle prossime settimane? (IN FONDO ALL'ARTICOLO VI E' UNA BREVISSIMA SEMPLIFICAZIONE)

Beh dopo questo breve assaggio invernale della metà di Gennaio 2016 , in un contesto invernale che fino ad ora si è dimostrato tutto tranne che invernale, avremo un' ulteriore fase anticiclonica e MITE per il periodo .

Dal 26 Gennaio al 1 Febbraio 2016 avremo giornate asciutte,soleggiate, miti di giorno e fredde di notte ,a causa delle inversioni termiche.

Dal 1 Febbraio al 4-5 Febbraio probabile continuazione anticiclonica e mite ma agli sgoccioli.

Dal 6 al 10 Febbraio progressivo arrivo d'aria più fredda , ma il tutto verrà chiarito nel prossimo aggiornamento settimanale.

Da questo grafico, si può notare come dal 6-7 Febbraio i modelli meteo intravedono un aumento delle probabilità dell'arrivo d'aria più fredda alle nostre latitudini:

Si può notare come l'anticiclone metterà radice proprio sul Mare Nostrum:

Da che cosa sarà causata questa fase mite ?

La risposta sta nel VP, vortice polare, dopo i disturbi ricevuti nei giorni scorsi da parte del famoso anticiclone dell'Azzorre, ci sarà un suo ricompattamento con correnti zonali molto accelerate e intense che non permetteranno alle perturbazioni di scendere di latitudine, rimanendo così solo a latitudini settentrionali.

Immagine che rappresenta la corrente a getto intensa e ben stirata, sintomo di un anticiclone dell'Azzorre poco attivo e incapace di disturbare il VP creando possibili oscillazioni:

Ci sarà un ritorno dell'inverno? Quando ?

Analizzando il constesto barico attuale e futuro, a incidere sulle condizioni future saranno 2 eventi, ovvero 2 stratwarming. Uno è già in atto, ma essendo debole e poco duraturo sembra che causerà pochi effetti sul VPT, vortice polare troposferico, il secondo che dovrebbe attivarsi dal 2 Febbraio con l'apice del riscaldamento stratosferico verso il 5 Febbraio, sarà invece, più intenso e duraturo, di tipo SSW (Sudden Stratospheric Warming), ovvero quando il riscaldamento è superiore a 30°C nell'arco di una settimana o meno. Bisognerà vedere se risulterà capace di influenzare anche la più bassa troposfera o se risulterà improduttivo.

Ecco il secondo riscaldamento stratosferico a 10hPa visto dai modelli meteo , circa a 30000m di altezza:

Quindi , analizzando anche l'indice d'attività d'onda in zona polare, ovvero l'indice IZE,crediamo che dal 6-7 Febbraio ci sarà un ritorno alle condizioni invernali e ci aspettiamo un mese di Febbraio 2016 a stampo invernale.

Nel prossimo articolo, che verrà pubblicato in settimana, vi daremo maggiori dettagli e vi daremo maggiori spiegazioni sul perché la nostra tendenza per Febbraio 2016 sia prettamente invernale, quindi considerate questo aggiornamento soltanto come un anticipo.

Nessun commento ancora

Lascia un commento