Lunedì, 25 Gennaio 2016 00:00

Potenza FEBBRAIO 2016 part.1

Vota questo articolo
(3 Voti)

Cari lettori,

abbiamo deciso che gli aggiornamenti per il mese di Febbraio 2016 gli divideremo in 2 parti, la prima parte in questo articolo e la successiva nell'articolo che verrà pubblicatonel corso della settimana.

Cosa succederà nelle prossime settimane ? (IN FONDO ALL'ARTICOLO VI E' UNA BREVISSIMA SEMPLIFICAZIONE )

Beh dopo questo breve assaggio invernale della metà di Gennaio 2016 , in un contesto invernale che fino ad ora si è dimostrato tutto tranne che invernale, avremo un' ulteriore fase anticiclonica e MITE per il periodo .

Dal 26 Gennaio al 1 Febbraio 2016 avremo giornate asciutte,soleggiate, miti di giorno e fredde di notte ,a causa delle inversioni termiche.

Dal 1 Febbraio al 4-5 Febbraio probabile continuazione anticiclonica e mite ma agli sgoccioli.

Dal 6 al 10 Febbraio progressivo arrivo d'aria più fredda , ma il tutto verrà chiarito nel prossimo aggiornamento settimanale.

Da questo grafico, si può notare come dal 6-7 Febbraio i modelli meteo intravedono un aumento delle probabilità dell'arrivo d'aria più fredda alle nostre latitudini :

Immagine4

Si può notare come l'anticiclone metterà radice proprio sul Mare Nostrum :

Immagine2

Da che cosa sarà causata questa fase mite ?

La risposta sta nel VP, vortice polare, dopo i disturbi ricevuti nei giorni scorsi da parte del famoso anticiclone dell'Azzorre, ci sarà un suo ricompattamento con correnti zonali molto accelerate e intense che non permetteranno alle perturbazioni di scendere di latitudine, rimanendo così solo a latitudini settentrionali.

Immagine che rappresenta la corrente a getto intensa e ben stirata, sintomo di un anticiclone dell'Azzorre poco attivo e incapace di disturbare il VP creando possibili oscillazioni :

Immagine1

Ci sarà un ritorno dell'inverno ? Quando ?

Analizzando il constesto barico attuale e futuro, a incidere sulle condizioni future saranno 2 eventi, ovvero 2 stratwarming. Uno è già in atto, ma essendo debole e poco duraturo sembra che causerà pochi effetti sul VPT, vortice polare troposferico, il secondo che dovrebbe attivarsi dal 2 Febbraio con l'apice del riscaldamento stratosferico verso il 5 Febbraio, sarà invece, più intenso e duraturo, di tipo SSW( Sudden Stratospheric Warming), ovvero quando il riscaldamento è superiore a 30°C nell'arco di una settimana o meno. Bisognerà vedere se risulterà capace di influenzare anche la più bassa troposfera o se risulterà improduttivo. 

Ecco il secondo riscaldamento stratosferico a 10hPa visto dai modelli meteo , circa a 30000m di altezza :

Immagine3

Quindi , analizzando anche l'indice d'attività d'onda in zona polare, ovvero l'indice IZE, crediamo che dal 6-7 Febbraio ci sarà un ritorno alle condizioni invernali e ci aspettiamo un mese di Febbraio 2016 a stampo invernale.  

Nel prossimo articolo, che verrà pubblicato in settimana, vi daremo maggiori dettagli e vi daremo maggiori spiegazioni sul perchè la nostra tendenza per Febbraio 2016 sia prettamente invernale, quindi considerate questo aggiornamento soltanto come un anticipo .

Letto 4419 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Gennaio 2016 21:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.