Mercoledì, 16 Dicembre 2015 00:00

AGGIORNAMENTI DICEMBRE 2015

Vota questo articolo
(1 Vota)

Cari lettori,

vi aggiorniamo sulle future condizioni atmosferiche.

Questo articolo è diviso in due parti: quella iniziale per i più esperti, mentre la parte finale più semplice e sintetica.

Partiamo con l'analisi delle anomalie di geopotenziali a 500mb dal 1 al 13 Dicembre 2015 :

a1

Si nota come sull'Europa centro-occidentale vi è una netta anomalia + , sintomo di una wave 2 spalmata  e stazionaria. Situazione ampiamente prevista da noi dal 1 Dicembre 2015.

Si può notare, inoltre, anche un approfondimento del ciclone d'Islanda, che ci fa comprendere un VP in fase di approfondimento e flussi zonali intensi. 

Queste sono le anomalie delle temperature superficiali degli oceani :

a2

Quella grossa porzione di acque più fredde del normale nel Nord Atlantico è una conseguenza, guardando la mappa precedente, di un flusso atlantico molto attivo e intenso.

Quindi cosa si nota? E quali saranno le conseguenze?

Si nota che grazie al famoso " El Nino" la wave 2 è traslata più a est del normale; grazie all'asse del VPT (Vortice Polare Troposferico) si comprende che quest' anno a dominare sarà la stessa wave 2 con innalzamenti non troppo elevati ma sufficenti a disturbare il VPT ed a provocare discese d'aria più fredda. 

Analizzando giorno per giorno gli aggiornamenti dei più famosi modelli meteo matematici globali (GFS-GEFS-ECMWF), nell'ultimo peridodo si sono riscontrati indizi e segnali che presuppongono un netto innalzamento della wave 2 per gli ultimi giorni di dicembre 2015.

a3

Ciò comporterebbe discese d'aria più fredda di origine continentale sulle regioni centro-meridionali, ma questo è da confermare.

Detto ciò, il primo segnale da individuare è l'innalzamento di latitudine della wave 2 (cosa che sta accadendo). Il secondo è verificarne l'asse e la base che essa assumerà. L'ideale per noi sarebbe una base che parta dalla Spagna e si radichi su Gran Bretagna, con inclinazione verso est sulla Scandinavia. Quindi, se l'asse verrà confermato un pò più ad ovest dall'Italia, per gli ultimi giorni di dicembre e i primi giorni di gennaio potremmo avere le prime condizioni invernali della stagione.

Riconfermiamo la tendenza mensile di dicembre 2015 : CLICCA QUI

PARTE SEMPLIFICATA E SINTETIZZATA:

Cari lettori, per il giorno di Natale non vedremo neve e gelo, come invece annunciato da alcuni siti meteo famosi che cercano soltanto di attirare clic.

Le condizioni necessarie per avere una prima fase invernale sembra ci saranno per gli ultimi giorni di dicembre 2015 e i primi giorni di gennaio 2016.

VI AGGIORNEREMO!

Letto 1770 volte Ultima modifica il Mercoledì, 16 Dicembre 2015 20:46

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.