Giovedì, 10 Agosto 2017 00:00

Siccità in Basilicata Estate 2017. Dati,cause e conseguenze.

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Cari lettori,

come avete potuto notare questa estate 2017 sta mostrando i muscoli sottoforma di caldo e siccità.

Ma molti di voi si chiederanno, qui in Basilicata rispetto gli altri anni come sono le temperature? Quali danni sta provocando questo caldo? Da cosa è causato tutto ciò?

Esaminando i dati raccolti dalla nostra stazione meteo professionale, situata a Potenza Sud a 805 m.s.l.m, nel periodo dal 21 Novembre 2011 ad oggi, possiamo darvi qualche informazione interessante.

Da quando registriamo dati (6 anni) due sono state le estati più calde: estate 2012 e questa estate 2017.Ma chi di più tra le due?

La temperatura media Giugno-Luglio 2012=22.3°C. Temperatura media Giugno-Luglio 2017=21.8°C.

T.max G-L 2012=36.2°C. T.max G-L 2017=34.2°C.

Pioggia G-L 2012=71.6mm. Pioggia G-L 2017=4.8mm.

Nel mese di Agosto le temperature si sono ulteriormente innalzate, con la temperatura più alta dell'anno registrata il 5 Agosto con 37.9°Cnon superando di poco il record registrato nell'Agosto 2012 di 38.8°C. Mentre la pioggia ha fatto la comparsa solo 2 giorni su 18, totalizzando per il mese di Agosto 2017 fino ad oggi solo 6.8mm e soli 11.6mm in questi 79 giorni estivi.C'è da dire comunque che i primi 10 giorni di Agosto 2017 sono stati i più caldi registrati dalla nostra stazione,più caldi come temperatura media senza superare il record passato di temperatura massima.A fine mese vi illustreremo i dati di questo agosto ma possiamo già dire che sarà complessivamente il mese più caldo da quando registriamo dati.

Si tratta di una situazione siccitosa particolarmente rara che sembra non destinata ad attenuarsi nemmeno per il resto del mese di Agosto. Di certo,per quanto riguarda le temperature,il peggio è passato (resteranno comunque alte),ma i nostri bacini idrici ne stanno sofrrendo molto,raggiungendo minimi estensionali particolarmente ridotti e preoccupanti, come nel cao del lago Pantano,dei diversi fiumi, e delle varie dighe,anche perchè questa Primavera 2017 non è stata particolarmente piovosa.

14 Agosto 2014

senise prima2

15 Agosto 2017 

senise dopo2

Si possono notare notevoli differenze da queste due immagini satellitari scattate dal satellite Modis.Oltre alla notevole riduzione delle dimensioni della diga di Senise, da notare la colorazione del territorio che si presenta molto meno verde, a causa della maggiore prevalenza del colore giallo tipico delle terre aride.

La causa di tutto ciò sta in 2 fattori:

-Il posizionamento anomalo più a nord dell'ITCZ (zona di convergenza intertropicale),causando di conseguenza uno spostamento più a nord dell'ormai famoso anticiclone Nord-Africano,rendendolo così più invadente e frequente.

itcz august 2017

-AO index prevalentemente positiva,sintomo di zonalità e vortice polare più forte e compatto,che provoca, pertanto, poche e deboli discese delle perturbazioni atlantiche alle basse latitudini.In questo modo soltanto i Paesi alle alte latitudini sono stati interessati dal flusso atlantico.

anomalie

Tali anomalie termiche e pluviometriche, si sviluppano quando determinate configurazioni bariche risultano essere statiche e durature, tanto è vero che così come in Europa e, sopratutto in Italia, abbiamo avuto caldo in eccesso e siccità,sulla penisola Scandinava,al contrario,l'estate 2017 è risultata più fresca e piovosa.

Le conseguenze sono in primis i danni all'agricoltura. Rispetto all'anno scorso, infatti, in Italia si è prodotto -62% di olio d'oliva, -12% di pomodori e -10% di grano duro (dati Coldiretti). Le aree verdi e quindi la vegetazione boschiva ne hanno fortemente risentito, provocando in tal modo l'incremento delle aree a rischio desertificazione. Inoltre, con una vegetazione così altamente infiammabile, gli incendi sono aumentati del +400% rispetto allo stesso periodo del 2016 in Basilicata (dati Legambiente).

Una delle conseguenze più preoccupanti è l'accumulo di calore e quindi di energia nel Mare Nostrum.Tale potenziale energetico è paragonabile ad una camera piena di gas a cui manca solo la miccia per esplodere.Tale miccia è l'arrivo d'aria più fredda in quota che a contatto con i nostri mari caldi provocherebbe l'insorgere di intensi moti convettivi, con la conseguente creazione di temporali marittimi localmente dannosi qualora penetrassero nell'entroterra. Un esempio, non remoto, è la notte tra il 22 e il 23 Luglio 2012,dove a Potenza in meno di un'ora caddero 40.4mm di pioggia con raffiche di vento di 61km/hr,generando così la caduta di alcuni alberi.

Proiezioni future?

Secondo noi tale siccità si prolungherà per tutto il mese di Agosto,alcune ferite verranno risanate durante questo Settembre 2017,ma non basterà, anche perchè le proiezioni stagionali più affidabili intravedono un mese di Settembre più caldo rispetto la media stagionale con piovosità nella media.Dobbiamo sperare che l'autunno faccia il suo corso in maniera non troppo violenta ma quanto basta per far nuovamente rinverdire la nostra fantastica regione!

Letto 1826 volte Ultima modifica il Sabato, 19 Agosto 2017 09:56

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.